Gestire le proprie finanze e quindi i propri soldi è il primo passo verso la ricchezza. Perché? Come sostiene Warren Buffet: “per diventare ricchi bisogna iniziare a non spendere i propri soldi ed a investirli saggiamente”.

Se ci rifletti un attimo viviamo in un’epoca in cui ogni motivo è buono per spendere qualche euro che sia in moneta o con la carta di credito il risultato non cambia, siamo sempre meno ricchi!

Mi ricordo ancora quando alle superiori e poi all’università cercavo sempre un modo per guadagnare qualche soldo per comprarmi l’ultimo smartphone, l’ultimo pc portatile, l’ultimo gadget tecnologico appena uscito.

Ero talmente preso da questi oggetti che per me erano i soldi meglio spesi della mia vita.

Perché dovresti dare maggiore importanza ai soldi che spendi e come li spendi?

Per iniziare a spendere meglio e più consapevolmente i tuoi soldi. Nessuno a scuola e nella vita ci insegna come gestire al meglio le nostre finanze.

Ecco perché voglio condividere con te quello che ho imparato per migliorare la gestione dei miei risparmi.

Definisci un tuo framework

Definire un tuo “framework” vuol dire definire un processo in cui identifichi i tuoi obiettivi di medio e lungo termine e come puoi raggiungerli. Personalmente nel corso degli anni ho sviluppato quello che ti mostro di seguito. Può essere un punto d’inizio per creare il tuo processo di risparmio.

  1. Definire un obiettivo di medio e lungo termine
  2. Analizzare le spese di un mese prima di iniziare e poi ogni anno fai una revisione
  3. Definisci un'ancora mentale
  4. Inizia a risparmiare
  5. Ogni settimana sottrai al tuo obiettivo i soldi risparmiati, ti aiuterà a rimanere focalizzato
  6. Man mano che progredisci nel raggiungimento del tuo obiettivo concediti una ricompensa con il 5%, 10% dei soldi risparmiati

Questo framework ti permette di sfruttare quello che viene definito "coumpound interest” (interessi composti). Reinvesti i guadagni. Nel nostro caso l'investire i guadagni si trasforma in non spenderli o meglio spenderne solo un 5%/10% per ricompensare i nostri sacrifici.

Ti racconto un episodio.

Quando ero all’Università passavo i pomeriggi a seguire i laboratori e i corsi in aula. Tendevo a prendere dai 3 ai 4 caffè al giorno. Ogni caffè lo pagavo 0,80€/cent. Questo vuol dire che alla fine del mese avevo speso nella migliore delle ipotesi 48€ di caffè.

Questo per dirti che nessuno di noi è abituato ad analizzare le proprie abitudini e dove spendiamo i nostri soldi, quindi tendiamo a non darci peso.

Alla fine se fai un analisi su un periodo di 20 giorni il valore di Euro che hai speso può o meno fare la differenza sulle tue finanze. Sono sicuro che se anche tu si soffermi a pensare per qualche minuto troverai diversi comportamenti simili a cui non dai peso ma che potrebbero portarti ad un concreto risparmio.

In conclusione ho ridotto i caffè da 3/4 al giorno a 2 solamente con un risparmio mensile pari a 16€/mese che per un anno sono 192€. Alla fine dei 5 anni sono riuscito a risparmiare un bel gruzzoletto e dare il via in modo consistente a quell'approccio che abbiamo definito interessi composti. Il vero Santo Graal della prosperità.

Definisci un obiettivo di medio e lungo termine

Definire un obiettivo di medio termine solitamente ci permette di rimanere focalizzati sull’obiettivo di lungo. Quindi se per medio intendo un arco temporale da 6 mesi ad un anno per lungo intendo da 1 anno fino a 5 anni.

Tendenzialmente un obiettivo a 5 anni lo tengo per qualcosa di importante mentre ad 1 anno per piccole soddisfazioni personali.

Di solito per definire un obiettivo cerco di pensare anche alla sua utilità e come esso influirà sulla mia vita una volta raggiunto.

Poniti questa domanda.
Quello che voglio comprare mi aiuta a migliorare in modo concreto la mia vita?

Per farti un esempio all’Università viaggiavo molto in pullman o in treno e tendenzialmente da casa a scuola ci mettevo più di un'ora e mezza tra aspettare le coincidenze ed i vari ritardi. Questo potevo accettarlo durante l’Università ma mi sarebbe stato poco d’aiuto quando avessi trovato un lavoro. Vivere in una zona poco servita poteva risultare un limite.

Ecco perché decisi che investire parte dei miei risparmi in una macchina usata che potesse semplificarmi la vita poteva essere il giusto obiettivo. Questo soprattutto in vista del lavoro che avrei voluto svolgere il quale richiedeva moltissimi spostamenti ed orari poco prevedibili.

Quindi il mio obiettivo a 3 anni subito dopo la laurea triennale sarebbe stato mettere da parte abbastanza soldi per comprarmi la mia prima macchina.

L’obiettivo ad un anno era quello di risparmiare oltre ai soldi per la macchina anche quelli per pagarmi la prima assicurazione e i primi rifornimenti oltre naturalmente a potermi permettere una pizza ed un cinema ogni tanto.

Analizza le tue spese ricorrenti e riduci le tue spese occasionali

A questo punto che hai definito i tuoi obiettivi di medio e lungo termine devi iniziare a capire come spendi i tuoi soldi. Per fare questo ti consiglio un applicazione molto utile e ben fatta che si chiama YNAB (You Need a Budget), disponibile per MacOS, iOS, Android e Windows.

È una web app che ti permette di definire e allocare a priori il tuo budget per ogni categoria di spesa. La cosa bella che oltre ad allocare il budget mensile delle tue spese puoi definire un obiettivo di risparmio per ogni categoria. In questo modo ogni mese puoi fissare un target da raggiungere.

Questo è il funzionamento a regime.

All’inizio, il primo mese, lo utilizzerei solo come registratore di tutte le tue entrate ed uscite. Se possibile inizia ad inserirli già in divise categorie. Questo ti aiuterà poi dopo quando dovrai capire quanto e come risparmiare i soldi che ti occorrono per raggiungere i tuoi obiettivi.

Ti consiglio questo blog perché trovo sempre molti spunti interessanti da inserire per migliorare il mio framework.

Definisci un'ancora mentale

Le ancore mentali sono uno strumento psicologico molto forte da utilizzare soprattutto per rimanere concentrati sul tuo obiettivo. Per questo solitamente l’ancora che utilizzo è quella del sottrarre dal calendario i soldi risparmiati rispetto al budget che mi occorre per raggiungere i miei obiettivi di medio e lungo termine. Se sono uguali lo faccio solo per quello di lungo. Se sono diversi, invece, lo faccio per entrambi.

Sottrarre alla cifra che ci occorre risparmiare quella che abbiamo già risparmiato tendenzialmente ci restituisce un senso di gratificazione più elevato del sommare a 0 qualcosa. Almeno per me è così. Sperimenta sulla tua pelle e cerca di capire cosa ti appaga maggiormente.

Inizia a risparmiare

Dopo che hai capito quali sono le tue abitudini di spesa è arrivato il momento di agire ed iniziare a risparmiare.

Chiediti di cosa puoi fare a meno e cosa fai di frequente che ti porta a spendere i tuoi soldi. Questo approccio, agli inizi, è il più semplice perché gradualmente inizi a privarti di qualcosa che fai spesso.

Molte volte ti accorgerai che le privazioni sono anche un modo per migliorare la tua salute e qualità di vita. Proprio come i caffè prenderne di meno ha ridotto la mia acidità di stomaco.

Ti ricordi l’esempio del caffè? Ecco qualcosa che fai spesso e che puoi ridurre o dimezzare.

Apprezza i soldi che hai risparmiato

Apprezza i soldi che hai risparmiato durante i mesi precedenti. Ogni mese analizzavo i miei risparmi e con un 5%, 10% pagavo il mio premio per essere stato disciplinato. Il restante dei soldi faceva cumulo per il mese successivo.

Concediti una piccola ricompensa

Ricompensarsi è sempre una buona abitudine perché crea un precedente positivo per il tuo cervello che rimane attivo e predisposto a fare meglio. Quindi man mano che il tuo piano di accumulo aumenterà il 5%/10% diventerà un valore maggiore che puoi spendere nel mese corrente. Non male, vero?

Facciamo un esempio.
Prendi l’esempio del caffè il primo mese di risparmi voleva dire aver conservato 48€ e poterne spendere il 10%, 4,8€/cent. Il mese successivo avrei risparmiato altri 48€ e il 10% dei risparmi complessivi mi avrebbe permesso di spendere 9,12€.

Naturalmente i risparmi non si limitavano solo al caffè ma anche ai pranzi, palestra, videogiochi, discoteca ecc. perché era dove spendevo maggiormente.

Adesso tocca a te

Inizia ora a definire il tuo prossimo obiettivo e scala la vetta del risparmio diventando più cosciente nella gestione delle tue finanze.

Prossimo articolo